4097

4097. Un numero, un civico, nessuna porta. 4097. Un numero, un civico, nessuna porta. E’ inutile bussare sui laterizi. Non ci sono campanelli. La prima porta utile è lontana. Scrivere sarà dare un senso enigmistico al lavoro del postino. Francamente, una pena immeritata. Passare e andare. Non rimane altro. Forse solo un numero da scomporre Leggi di più4097[…]

Sapevo sarebbero tornati i treni

Sapevo sarebbero tornati i treni è una poesia di Gianni Montieri tratta da “Avremo cura”, raccolta uscita per Zona Contemporanea (ringraziamo l’editore per avercela concessa).




[…]

Condividi

La piazza di Rivabassa

Nella topografia di Altan ecco il paese e la piazza di Rivabassa. E’ tratta da “Piazza Pizza” di Pier Mario Giovannone e Neri Marcorè con disegni – di Altan, appunto – e musica di Giua.




[…]

Condividi

Luciano Erba

Esce “Autografo” con un numero dedicato al grande poeta Luciano Erba, ne traiamo l’inizio del ricordo di Emilio Isgrò. Ringraziamo Interlinea, l’editore, per la concessione del testo.





[…]

Condividi

Nour Melehi: Sulla fotografia di Mauro Petito

Mentre oggi si apre una collettiva in cui saranno esposte anche le foto del fotografo Mauro Petito, alla galleria lab174, pubblichiamo questa nota critica della etnoantropologa esperta di fotografia Nour Melehi sull’opera del fotografo napoletano “De unius multiplicitate”.





[…]

Condividi

Cinese facile

Qual è la lingua del futuro? Ma è chiaro: il cinese. Ecco per la Nicola Pesce un graphic novel corso accelerato per entrare nel mondo degli ideogrammi. L’ha scritta Stefano Misesti. Ve ne anticipiamo tre tavole. Ecco il cinese facile!



[…]

Condividi

Ti piace quello che facciamo? Ti prego, spargi la voce!