Alberto Sordi: bugia e romanità