Il caldo, Roma e i nasoni. Sognando un tuffo nel Tevere