10 motivi per andare a Montecassino

Questo sabato, perché no, un invito alla gita. Dove? Cassino e Montecassino.

IMG_20150717_213854
IMG_20150717_213854
Aperture: 2Camera: G620S-L01Iso: 1500Orientation: 1
« 1 di 18 »
[…]

Condividi

Prove tecniche di corteo

Speciale Manifestazioni. Ovvero come prepararsi alla piazza, conservarne i ricordi, non farli sbiadire. E, soprattutto, far sì che siano serviti. Care lettrici, cari lettori, ebbene sì, abbiamo pensato di costruire un percorso a favore di manifestanti. Speriamo vi sia utile. AVVERTENZE: Contiene due estratti da libri, un’intervista a Giuliano Santoro, una postilla e qualche fotografia. Non nuoce, in ogni caso, alla salute.


[…]

Condividi

Il Muro Torto e la sua doppia visione

 

Esistono luoghi a Roma che hanno un verso e il suo contrario come pelo e contropelo. Un verso e il suo contrario. Uno di questi è il Muro Torto. A tratti un Grand Canyon naturale della città, un’autostrada, un sentiero – per quanto largo – di campagna. Insomma se stessa e il suo antipode. […]

Condividi

Halloween a piazza Mincio

Piazza Mincio, una delle piazze più cinematografate di Roma. Quartiere Coppedè. Il luogo ideale per un tranquillo Halloween di paura.

IMG_20151031_185856
IMG_20151031_185856
Aperture: 2Camera: G620S-L01Iso: 1500Orientation: 1
« 1 di 13 »

[…]

Condividi

Via Montasio, via Isola Bella, viale Jonio

Pubblichiamo la parte terza del poemetto di Christian Raimo “Andare per case” incluso in “Roma d’autore” (Morellini). E’ ambientato nella Roma di Città Giardino, a Montesacro. Tra Via Montasio, via Isola Bella e viale Jonio. […]

Condividi

Policlinico Umberto I

Il Policlinico Umberto I, dedicato all’omonimo re italiano, è la faccia operativa della facoltà di Medicina e Chirurgia della Sapienza Università di Roma. La sua costruzione venne iniziata nel 1883 su un progetto di Giulio Podesti (lo stesso del traforo Umberto I di via Milano e del Grand Hotel) e Filippo Laccetti (ma collaborerà anche Edgardo Negri, nipote del primo). […]

Condividi

Una balena nel cielo della street art

Una balena nel cielo della street art. Con lei una madonna cinese, un Depero australiano, un bambino che guarda il cielo. Il mondo non ha mai creduto tanto nell’urbanizzazione da quando un gruppo di artisti ha deciso di modificare il segno delle città intervenendo negli spazi comuni. Ogni rivoluzione parte da un’azione non condivisa. La realizzazione delle rivoluzioni riguarda la loro capacità generativa (e non degenerativa). Anche in arte è così. La prova è in questo progetto di arte ascensionale romano, alla borgata di Tor Marancia, che ha invece la fortuna di essere frutto ben voluto di una rivoluzione programmat(ic)a.

pantonio
pantonio
« 1 di 5 »

Agisce in un’area di abitazione post-sventramenti fascisti (a una delle immagini di quel tempo è dedicata un’opera). Che sorge su un’area bonificata. E, a pensarci bene, gli elementi di “transizione” sono più di uno già così. […]

Condividi

Dove sei Santa Apollonia, ho mal di denti?

Un road post tra le vie di Roma a caccia del conforto antinevralgico di una santa.
[…]

Condividi

Ti piace quello che facciamo? Ti prego, spargi la voce!