Ascolto

L’ascolto attento, l’ascolto distratto, il fotografo da convegni intercettato da uno sguardo, il rigore dell’abito da cerimonia quando la cerimonia è lavorativa. La moquette della sala-albergo, le montature di tartaruga, l’occhio imbarcato nel sonno o nell’attesa della pausa-caffè e i mocassini lucidati, le cravatte a fazzoletto, l’invernale velluto e i principi di galles. Poi i continua a leggere

Dentro il colonnato

La scritta dietro dice Roma, una parola che non si capisce, 1951. Ognuno guarda in una direzione diversa. Forse il fulcro sta non nell’obbiettivo ma in un gruppo di persone tra cui qualcuno che tiene in mano la macchina e scatta. Ognuno parla o scherza con qualcun’altro. Tre hanno il cappotto – dunque è freddo, continua a leggere

Gita esotica

Sembra una gita esotica quella che ha trovato al mercato di Palmiro Togliatti Marco Petrella (che ringraziamo per averla condivisa con noi). C’è una damnatio memoriae a sinistra sotto forma di uno strappo verticale e una sottrazione dello strato dell’immagine. Tre (quattro) donne in vacanza con i pantaloncini a palloncino e cappelli da sole. Un continua a leggere

Stella alpina

La foto è la metà di una foto. Da una parte una testa, un volto di profilo, quello di un uomo. Con un cappello da amante della montagna – c’è persino appuntata una stella alpina come usa in questi casi -, uno di quelli che si vendono nelle località d’alta quota. L’altra metà dell’immagine mostra continua a leggere