La Ernaux: buona letteratura, buona vita