Nour Melehi: Sulla fotografia di Mauro Petito