Anna Frank, Bruno Giordano e il minority report della lazialità