• invettive

    Per favore, non scivolate sui pregiudizi!

    Giornata della memoria non deve significare solo ricordare all’indietro ma ricordare in avanti. Significa credere che non serva solo la memoria in quanto baluardo finito in sé di brutti ricordi.

    Memoria deve essere un continuo rimbalzo di attenzioni a quello che oggi, non sembra ma, è simile a quella bruttezza. Simile vuol dire che non ha la stessa carica di effetti ma potrebbe averla. Continuando quella bruttezza, insistendola, organizzandola.

    Il rischio è che un giorno tutta questa leggerezza della bruttezza possa trovare qualcuno che la organizza e che si prende il merito definitivo di trasformarla in un razzismo organizzato. tanto vale pensarci prima. Attenti alle parole, consapevoli, se pure non capaci di fermarli e cassarli, dei pensieri.

    La vita non può essere un emendamento continuo ma non deve neppure essere una sospensione definitiva del controllo.

    Per questo sono belle le mappe d’inciampo, un cimitero di cattiveria ricordata sull’uscio delle porte da cui la gente entra ed esce o da cui passa.

    Qui una mappa interattiva delle pietre d’inciampo.




  • obituaries

    Shoah: vedi alla lettera bambine

    Shoah e bambine. Pubblichiamo un piccolo estratto dal capitolo dedicato alle bambine di Roma durante la Shoah attraverso le voci di Lia Levi, Rosetta Loy e Giacoma Limentani. Il libro da cui è tratto è “Quella difficile identità. Ebraismo e rappresentazioni letterarie della Shoah” dell’italianista americana Stefania Lucamante edito qualche anno fa da Iacobelli editore.