Il MAXXI, Ghirri e l’importanza della visione