Alberto Sordi, Ettore Scola e la romanità