invettive

Contro l’uso della candeggina nelle pulizie degli uffici e delle scuole

A morte la pulizia. O, almeno, quella dell’ufficialità di Stato. Abbasso la candeggina.




E voi continuate, quando ormai da decenni le case hanno scoperto la sua versione profumata eppure, negli uffici, qualcuno di voi ancora si ostina a far pulito con la candeggina dura e pura. Ammantando la scelta come economica investite i pavimenti delle sette del mattino con l’acre odore di piscio di gatto.

Poi aprite le finestre e andate via. Il costo unitario sacrifica lo stomaco ma la spesa non convince neppure i tesorieri delle scuole. E noi malediciamo la cartella esattoriale o il conto corrente postale che ci ha costretti all’esposizione al tanfo.




Founder e direttore di "Perdersi a Roma" collabora con Il Messaggero, il venerdì e Nuova Ecologia. Ha pubblicato libri di prose, poesie e narrativa di viaggio tra cui "Letti" (Voland), "AmoRomaPerché" (Electa-Mondadori), "La gioia del vagare senza meta" (Ediciclo), "Fùcino" (Il Sirente) e "Il mondo nuovo" (Mimesis).