Le persone, non i confini